cerca CERCA
Lunedì 14 Giugno 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

8 marzo: Obama, ogni ragazza merita rispetto ed istruzione

07 marzo 2015 | 13.33
LETTURA: 3 minuti

Il presidente americano dedica la Festa della Donna ai 62 milioni di bambine e adolescenti che non possono andare a scuola e ricorda l'iniziativa Let Girls Learn lanciata nei giorni scorsi con Michelle. "Noi vogliamo fare in modo che a nessuna ragazza venga negata la possibilità di imparare, di rendere il proprio unico contributo al mondo", ha detto nel discorso radiofonico del sabato

alternate text
Barack Obama premia studentesse alla Casa Bianca (Foto Xinhua)

"Ogni ragazza merita il nostro rispetto ed ogni ragazza merita un'istruzione". Così Barack Obama, nel discorso tradizionale del sabato, dedica la Festa della donna ai milioni di bambine e ragazze in tutto il mondo a cui viene ancora negato il diritto di andare a scuola. "Noi vogliamo fare in modo che a nessuna ragazza venga negata la possibilità di imparare, di rendere il proprio unico contributo al mondo", ha detto ancora il presidente che nei giorni scorsi ha lanciato, insieme alla moglie Michelle, l'iniziativa "Let Girls Learn" per sostenere programmi di sostegno all'espansione dell'istruzione femminile nel mondo.

"E' un privilegio essere il padre di ragazze", ha detto ancora Obama, parlando delle sue due figlie, Malia e Sasha, di 16 e 13 anni, "due fantastiche giovani donne". "So che ci sono moltissime ragazze come Malia e Sasha nel mondo, che sono divertenti, piene di attenzioni e curiosità, forti e con tanto da offrire al mondo", ha aggiunto il presidente parlando della sua campagna per aiutare "più ragazze nel mondo ad andare e a rimanere a scuola".

"In questo momento 62 milioni di ragazze dovrebbero essere a scuola e non ci sono, e questo non succede per caso questo è il diretto risultato di barriere, grandi o piccole, che bloccano il cammino delle ragazze verso l'istruzione".

Barriere che possono essere costituite dalla povertà ma anche da "uomini che farebbero di tutto per impedire alle ragazze di imparare", ha sottolineato Obama riferendosi a Boko Haram e gli altri gruppi terroristici che colpiscono, rapiscono o uccidono le ragazze che vanno a scuola.

"O forse non vanno a scuola perché si ritiene che debbano sposarsi e diventare madri quando sono ancora teenager, o addirittura prima - ha concluso - in troppe parti del mondo, le ragazze sono valutate più per il loro corpo che per la loro mente, questo è sbagliato e tutto dobbiamo fare di più per fermarlo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza