cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:12
Temi caldi

Stilisti

80 anni fa nasceva Yves Saint Laurent, l'enfant prodige della moda

01 agosto 2016 | 15.05
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Yves Saint Laurent nel 1965 tra Lauren Bacall (a sinistra) e sua figlia Lesley (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Avrebbe compiuto oggi 80 anni, e forse, se fosse ancora in vita, starebbe già festeggiando nel suo amatissimo giardino di Majorelle, a Marrakech, brindando accanto al suo braccio destro e compagno di vita Pierre Bergé. Era nato l'1 agosto 1936 a Orano Yves Saint Laurent, couturier rivoluzionario, genio eccentrico e avanguardista dello stile. Il maestro di Orano è stato questo e molto altro, il solo al pari di Christian Dior e Coco Chanel a rendere l'eleganza raffinata e al contempo innovativa.

Enfant prodige della moda, a soli 20 anni prese in mano le redini creative della maison Dior, dopo la morte del couturier francese, fino a fondare, negli anni '60, la sua etichetta assieme al socio e compagno Pierre Bergé. Tanto introverso in pubblico quanto genio sregolato nel privato, nel 1958 creò scalpore con la prima collezione Dior, presentando una silhouette irriverente e poco 'politically correct' per la moda dell'epoca. Modernizzatore e innovatore costante, diceva spesso che avrebbe voluto inventare i blue jeans "il capo più spettacolare, più pratico, più rilassante e informale" ma finì per fare molto di più.

Lo smoking da uomo e la sahariana per la donna sono sue intuizioni. Come pure il blazer, il trench, il tailleur-pantalone, il giubbotto in pelle nero, tutti capi presi in prestito dal guardaroba maschile che finirono per esaltare la femminilità delle donne. E' sempre sua l'idea di portare l'arte in passerella, come l'abito 'Campbell Soup', omaggio ad Andy Warhol o il celeberrimo Mondrian Dress, e ancora, le influenze etniche, l'amore per la letteratura e per il teatro costellarono la sua vita. Innovatore e precursore dei tempi, nel 1977 firmò la prima fragranza 'Opium', un omaggio alla sontuosità della Cina orientale e ancora oggi tra i sillage più venduti al mondo.

"Un giorno avrò il mio nome scritto in lettere di fuoco sugli Champs Elysées" disse agli albori della sua carriera, ignorando allora che il suo nome sarebbe diventato immortale. Dopo una lunga malattia, e l'ultima passerella nel 2002, lo stilista fu stroncato da un tumore al cervello a Parigi, nella sua casa, dove morì il primo giugno 2008, a 72 anni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza