cerca CERCA
Venerdì 30 Settembre 2022
Aggiornato: 01:42
Temi caldi

OLOCAUSTO: BONN, NEGOZIATO PER INDENNIZZO A EBREI ORIENTALI

20 agosto 1997 | 12.35
LETTURA: 1 minuti

Bonn, 20 ago. - (Adnkronos/Dpa) - Continua oggi il negoziato iniziato ieri tra il governo tedesco e la Jewish Claim Conference, per risolvere la questione del mancato risarcimento agli ebrei sopravvissuti all'Olocausto residenti nell'Europa centro orientale. I delegati della Jcc incontrano stamane il sottosegretario alla Cancelleria federale Friedrich Bohl.

Un ex Ss lettone che riceve la pensione dalla Germania come vittima della guerra e un suo vicino ebreo sopravvissuto all'Olocausto senza un soldo: e' a ingiustizie come questa che intende rimediare il negoziato. Il caso lettone era stato esposto ieri sul quotidiano berlinese ''Tagesspiegel'' dal presidente della comunita' ebraica tedesca Ignatz Bubis, come emblematico di una situazione che riguarda tutti i sopravvissuti ebrei di quella che si chiamava l'Europa ''oltrecortina'', 15-20mila persone oggi anziane e spesso bisognose. Le vittime del nazismo residenti in Occidente hanno ottenuto fin dal 1949 indennizzi per 100 miliardi di marchi pagati dalla Germania federale, mentre la Germania est non aveva mai offerto simili risarcimenti.

La settimana scorsa 82 senatori americani (su un totale di 100) hanno pubblicato annunci a pagamento sui principali quotidiani tedeschi per chiedere il pagamento di un indennizzo agli ebrei centro orientali sopravvissuti al genocidio nazista. Il tema era stato trattato anche dal presidente americano Bill Clinton in occasione dell'ultima visita a Washington del cancelliere tedesco Helmut Kohl.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza