cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 09:09
Temi caldi

ALBANIA: IL 'GRAZIE' DI ANDREATTA AI SOLDATI DI ALBA

16 dicembre 1997 | 16.22
LETTURA: 1 minuti

Roma, 16 dic. -(Adnkronos)- I militari italiani che hanno preso parte in Albania alla missione 'Alba', hanno ''affermato sul campo la capacita' dell'Italia di compiere interventi difficili in situazioni complesse. Grazie per aver guadagnato al nostro Paese il plauso di giudici severi ed un poco diffidenti''. Il ministro della Difesa, Beniamino Andreatta, intervenuto insieme al capo di stato maggiore della Difesa amm. Guido Venturoni alla presentazione del volume 'Operazione Alba' di Pino Agnetti (ed. De Agostini), ha voluto cosi' elogiare l'operato dei soldati italiani al di la' dell'Adriatico.

Gli uomini che hanno costituito il contingente della Forza Multinazionale di Protezione ''hanno dimostrato una grande professionalita' ed un ferreo autocontrollo, tanto piu' necessari -ha osservato il ministro- in una situazione come quella albanese, in cui sarebbe stato fin troppo facile lasciarsi coinvolgere in una guerra tra bande, violando il mandato internazionale e mettendo in pericolo l'esito stesso della missione. Questo e' stato possibile grazie all'ottimo funzionamento della catena di comando e grazie all'eccellente conduzione sul campo del gen. Forlani e a Roma dell'ammiraglio Venturoni''.

I risultati dell'operazione Alba, ha aggiunto Andreatta, ''sono sotto gli occhi di tutti: il Paese che soltanto nove mesi fa era allo sbando, sull'orlo dell'anarchia e della dissoluzione dell'ordine pubblico e di quello istituzionale, e' stato in grado, con il contributo determinante di 'Alba' e dell'Osce, di esprimere dei nuovi governanti scelti democraticamente e, con l'aiuto dell'Italia e degli altri Paesi europei, sta lavorando alla propria ricostruzione economica e sociale, alla riorganizzazione delle proprie forze armate e di quelle di Polizia''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza