cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 22:08
Temi caldi

Notizie Flash: 1/a edizione - La cronaca (9)

02 gennaio 2014 | 13.06
LETTURA: 1 minuti

Napoli. I finanzieri del Comando provinciale di Napoli hanno eseguito questa mattina un provvedimento restrittivo di obbligo di dimora, disposto dal gip presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di un dipendente dell’Ufficio Notifiche esecuzioni penali del Tribunale di Napoli per il reato di peculato. Le indagini sono scaturite da una segnalazione operata dal direttore dell’Unep di Napoli, il quale lamentava gravi irregolarità amministrative da parte di un proprio funzionario, preposto alla contabilità. Il funzionario, pur avendo ricevuto somme allegate a richieste di notifica ed esecuzione, inviate all’Ufficio a mezzo posta da soggetti non residenti nel capoluogo partenopeo, non risulta avere provveduto a versare i relativi importi sul conto corrente dell’Ufficio Notifiche esecuzioni penali. Il 29 marzo 2013, i militari del Nucleo Polizia Tributaria di Napoli avevano già provveduto ad eseguire nei confronti del funzionario un decreto di sequestro preventivo per equivalente, emesso sempre dal gip presso il Tribunale di Napoli, fino a concorrenza dell’importo di 59mila euro, pari a quanto, secondo le indagini, avrebbe utilizzato per scopi personali. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza