cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 15:23
Temi caldi

Notizie Flash: 1/a edizione - L'estero (7)

02 gennaio 2014 | 13.01
LETTURA: 1 minuti

New York. Sono 7.818 i civili che hanno perso la vita nel 2013 in Iraq. E' quanto rende noto l'Onu, facendo il bilancio di un anno di violenze come non si registravano da anni. E' da aprile, dopo che il governo a guida sciita ha lanciato un'offensiva contro le proteste dei sunniti, che gli scontri hanno ripreso con una violenza che non si registrava dal 2005. Secondo i dati delle Nazioni Unite, 759 persone sono state uccise solo a dicembre, tra cui 661 civili e 98 membri delle forze di sicurezza. 1.345 persone sono invece state ferite, si legge in un comunicato. Il bilancio delle vittime dell'anno appena concluso, secondo l'Onu, sale a 8.868 morti se si contano civili e uomini della sicurezza.''E' un bilancio triste e terribile - ha detto il capo della missione Onu in Iraq Nickolay Mladenov - Le autorita' irachene devono agire per mettere fine a questo circolo infernale''. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza