cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 15:23
Temi caldi

Notizie Flash: 1/a edizione - L'interno (2)

02 gennaio 2014 | 13.02
LETTURA: 1 minuti

Roma. "Pur essendo il primo partito non imponiamo le nostre idee". Per questo, per superare il Porcellum, Matteo Renzi indica, nella lettera inviata ai leader degli altri partiti, tre soluzioni su cui il Pd è pronto a chiudere in tempi stretti. Il segretario dem le illustra una ad una. "Il Pd - rivendica - fa un ulteriore passo in avanti. Pur consapevoli del ruolo di partito di maggioranza relativa, rinunciamo a formulare la nostra proposta ma offriamo diversi modelli alle forze politiche che siedono insieme a noi in Parlamento, convinti come siamo che ciascuna di queste tre proposte rispecchi il mandato assegnatoci dagli elettori delle primarie". Ed ecco le tre proposte su cui, assicura Renzi, il Pd è pronto a chiudere: "Riforma sul modello della legge elettorale spagnola. Divisione del territorio in 118 piccole circoscrizioni con attribuzione alla lista vincente di un premio di maggioranza del 15% (92 seggi). Ciascuna circoscrizione elegge un minimo di quattro e un massimo di cinque deputati. Soglia di sbarramento al 5%; Riforma sul modello della legge Mattarella rivisitata. 475 collegi uninominali e assegnazione del 25% dei collegi restanti attraverso l’attribuzione di un premio di maggioranza del 15% e di un diritto di tribuna pari al 10% del totale dei collegi; Riforma sul modello del doppio turno di coalizione dei sindaci. Chi vince prende il 60% dei seggi e i restanti sono divisi proporzionalmente tra i perdenti. Possibile sia un sistema con liste corte bloccate, con preferenze, o con collegi. Soglia di sbarramento al 5%".''Il Pd -continua Renzi- è pronto a recepire suggerimenti, stimoli, critiche su ciascuna di queste tre proposte. Ma chiediamo certezza dei tempi e trasparenza nel percorso: la politica non può più fare passi falsi''. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza