cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 03:01
Temi caldi

Cinema: dal 3 aprile in 300 copie 'Ti ricordi di me?' di Rolando Ravello

26 marzo 2014 | 16.42
LETTURA: 1 minuti

Dallo spettacolo di Massimiliano Bruno, con Edoardo Leo e Ambra Angiolini

Roma, 26 apr. (Adnkronos/Cinematografo.it) - Rolando Ravello esordisce sul grande schermo nel 1995 come protagonista del ‘Romanzo di un giovane povero’ di Ettore Scola accanto ad Alberto Sordi, in concorso al Festival di Venezia. Lavora molto negli anni successivi (anche a teatro) e nel 2012 esordisce nella regia con ‘Tutti contro tutti’. Il suo secondo film dietro la macchina da presa è di imminente uscita: ‘Ti ricordi di me?’ è il titolo, sarà in sala il 3 aprile con 300 copie per 01 Distribution.

Il film racconta il rocambolesco incontro tra Beatrice, maestra elementare affetta da narcolessia e che in seguito a grandi shock emotivi può perdere completamente la memoria, e il cleptomane Roberto, aspirante scrittore di improbabili favole. Ognuno ha delle prospettive diverse per il futuro: Beatrice sta per sposarsi col suo fidanzato storico e sogna di mettere su famiglia, mentre la carriera di Roberto è ancora in alto mare a causa dell'assurdità delle sue strane fiabe. Tra colpi di sonno e furti, però, nascerà una storia d'amore fatta di scontri, malintesi, amnesie e coraggio che porterà entrambi a completarsi e a guarirsi.

Ravello ha ricordato che il punto di partenza del film è lo spettacolo teatrale scritto da Massimiliano Bruno e portato in tournée per due anni diretto da Sergio Zecca (sullo schermo è l’uomo che al commissariato chiede un passaporto per Cuba) con molti elogi critici: “Eravamo consapevoli del fatto che quella esperienza poteva in qualche modo condizionare la versione filmica. Abbiamo lavorato molto sulla sceneggiatura, cercando di far emergere una precisa emotività dei personaggi. Ho scelto fin dall’inizio una regia tutta di pancia. Mi sono accorto i n questa seconda esperienza, di non essere un regista che predilige la tecnica. Ho voglia di lasciar andare le emozioni”. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza