cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 12:06
Temi caldi

Ricerca: orologio biologico come orchestra, ma con piu' direttori

27 marzo 2014 | 17.41
LETTURA: 1 minuti

Scoperto meccanismo che 'dirige' neuroni coinvolti nel ritmo sonno-veglia

Roma, 27 mar. (Adnkronos Salute) - (Embargo ore 21.00) Il ritmo circadiano dell'organismo, regolato da fattori interni (l'orologio biologico) ed esterni (luce e temperatura), è frutto di interazioni tra neuroni più complesse di quanto originariamente si pensava. Secondo una ricerca dell'University of Michigan pubblicata su 'Science', il ritmo circadiano funziona come come un'orchestra, in cui però i neuroni coinvolti seguono molti direttori e non un unico riferimento. "La nostra vita scorre sul ritmo circadiano giorno-notte ma la rottura di questi cicli, ad esempio con l'insonnia o il lavoro notturno, è associata a gravi problemi fisici ed emotivi - afferma Orie Shafer, autore della ricerca - Capire come funzionano le interazioni tra i neuroni coinvolti è fondamentale per intervenire sulla tenuta e la velocità dell'orologio biologico".

I ricercatori hanno esaminato l'orologio circadiano e la rete neuronale coinvolta nel processo del moscerino della frutta. Il ritmo circadiano di questo insetto è funzionalmente simile a quello dei mammiferi, ma con solo 150 neuroni è molto più semplice e facile da analizzare. In precedenza, gli scienziati pensavano che un solo un gruppo di otto neuroni fosse coinvolto nell'orologio biologico, una sorta di guida per i restanti 142 neuroni che seguivano i cambiamenti del piccolo gruppo. Ma in realtà - hanno scoperto i ricercatori - l'orchestra di neuroni non segue un unico 'maestro' ma ne segue diversi o, in alcuni, casi non segue nessuno".

"Anche se ci sono molte somiglianze tra l'orologio biologico dei moscerini e quello dei mammiferi - avverte Shafer - occorrono maggiori ricerche per approfondire la comprensione dei meccanismi che guidano l'orologio circadiano. Soprattutto - concludono - per tentare di mitigare gli effetti avversi associati ai disturbi che insorgono quando si interrompe per lungo tempo il ritmo giorno-notte".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza