cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 05:57
Temi caldi

Ambiente: 1 ora al buio per il pianeta, storie lombarde su sito web Regione (2)

28 marzo 2014 | 13.40
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos Salute) - "Come in una grande festa siete tutti invitati: famiglie, istituzioni, imprese", sottolinea Terzi. "Pensate che nel 2013 hanno aderito" all'iniziativa 'Un'ora al buio' "due miliardi di persone. Un successo straordinario". La Regione, assicura Terzi, ci sarà. "Il nuovo palazzo di Città di Lombardia, sede dell'istituzione regionale, farà la sua piccola parte. E voi, sono sicura che non farete mancare il vostro supporto. In fondo si tratta di un'ora, 60 minuti. Un tempo breve ma significativo. Per sensibilizzare l'intera comunità in cui viviamo a usare l'energia per spegnere gli sprechi. Per un clima migliore, un ambiente più pulito, un futuro ecosostenibile".

"Non so che cosa sceglierete di fare il 29 marzo all'ora di cena - dice Terzi rivolgendosi ai cittadini lombardi - A dire il vero non lo so nemmeno io. Magari, tempo permettendo, mi siederò da qualche parte a guardare il cielo, per ammirare le stelle. Come fossi una scrittrice. Oppure sceglierò di ascoltare i suoni che improvvisamente prendono corpo solo al buio, di notte. Senza luce. Una condizione che per tante persone è, senza averlo voluto, 'normale': penso agli ipovedenti capaci di leggere al buio, riconoscere con maestria spazi, oggetti, persone".

Quello che conta, assicura Terzi, è sapere cosa farà "la comunità lombarda che sono certa saprà dimostrare ancora una volta tutta la propria sensibilità davanti ai temi ambientali come il risparmio energetico. Di certo sarà un'ora speciale. Perchè il buio è anche intrigante; può diventare un gioco. Perché in fondo, a ben guardare, il buio ha mille colori. Allora domani dalle 20,30 fate come noi: accendete la fantasia e spegnete la luce. E raccontatecelo. Ne faremo un piccolo libro virtuale; una raccolta di storie. Le vostre. Perché anche in un'ora, magari al buio, si può cambiare in meglio il mondo in cui viviamo e che lasceremo ai nostri figli e nipoti", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza