cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 08:22
Temi caldi

Spending review: Conapo, vigili fuoco contro tagli, e' mobilitazione (2)

28 marzo 2014 | 17.40
LETTURA: 2 minuti

(Adnkronos/Labitalia) - "E' prevista -continua Brizzi- anche la soppressione dei nuclei sommozzatori dei vigili del fuoco di Grosseto, Como, Ferrara, la Spezia, Salerno, Crotone, Viterbo e Brindisi e la soppressione di 25 distaccamenti terrestri in varie parti d’Italia, in precedenza definiti strategici per portare soccorso ai cittadini in tempi ragionevoli ed ora privati del personale. Temiamo – dice - che la disponibilità del governo a ridiscutere il futuro di alcuni di essi sia solo un prendere tempo in vista delle prossime elezioni europee".

"Il Corpo dei vigili del fuoco è in cronica carenza di personale -chiosa ancora il rappresentante dei vigili del fuoco- già oggi mancano quasi 4000 vigili del fuoco rispetto alle reali esigenze di sicurezza del paese su un organico totale di circa 30000 unità in campo nazionale in quanto le tabelle ministeriali sugli organici sono riferite al passato ove le esigenze di soccorso erano inferiori ad oggi. L'età media dei vigili del fuoco è in pericoloso aumento. Oggi l’età media del soccorritore vigile del fuoco è di 45/46 anni ed in breve arriverà a 50 anni con notevole incremento degli infortuni sul lavoro".

"Si ricorre sempre più -sottolinea il sindacalista- al precariato per tamponare le carenze di organico con conseguente diminuzione degli standards di efficienza del soccorso ed è in atto una pericolosa diminuzione della formazione e degli addestramenti del personale che, sovente, a causa della carenza di organico, è costretto ad addestrarsi nelle ore libere senza essere retribuito. Il parco mezzi è inadeguato e ormai datato e sono in aumento esponenziale i debiti contratti verso i fornitori di carburante. I tagli comportano un arretramento dei libelli di sicurezza e l’ allungamento dei tempi per portare soccorso ai cittadini". "Tutto questo -conclude- è in contrasto con le accresciute esigenze di soccorso del nostro paese dovute anche ai cambiamenti climatici e al grave dissesto idrogeologico. Ormai alluvioni e calamità sono all’ordine del giorno e si sommano ai 700.000 interventi che i vigili del fuoco già svolgono ordinariamente ogni anno. Non c’è altro da tagliare, i vigili del fuoco sono all’osso, piuttosto il governo deve sbloccare le assunzioni nei corpi dello stato preposti alla sicurezza prima che a farne le spese siano i cittadini, per questo il nostro sindacato è mobilitato nel mantenere adeguati livelli di sicurezza e non certo per chiedere privilegi. La spending review la facciano sugli sprechi della politica e della pubblica amministrazione, non sui servizi di sicurezza e soccorso", dichiarano dal Conapo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza