cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 22:02
Temi caldi

Spending review: Conapo, vigili fuoco contro tagli, e' mobilitazione

28 marzo 2014 | 17.39
LETTURA: 2 minuti

Roma, 28 mar. (Adnkronos/Labitalia) - "Metteremo in atto tutte le possibili azioni necessarie per contrastare i tagli che il governo intende attuare sui vigili del fuoco. Il nostro Corpo è già vicino al collasso ed il premier Renzi si deve rendere conto che chiudere o depotenziare nuclei specialistici dei vigili del fuoco vuol dire mettere a rischio la sicurezza dei cittadini. Il 26 marzo abbiamo avuto un incontro con il sottosegretario Bocci ma non sono emersi segnali di retromarcia. Attendiamo l’incontro con il ministro Alfano ma nel frattempo siamo mobilitati a difesa dei nostri presidi e della sicurezza dei cittadini". Ad affermarlo è Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, uno dei maggiori sindacati dei vigili del fuoco.

"Il piano Cottarelli -spiega Brizzi- prevede tagli ai Vigili del Fuoco per 300 milioni di euro a decorrere dal 2015 che si sommano ai tagli già operati dai precedenti governi negli anni scorsi, relativi alla limitazione del turnover e delle assunzioni, ai tagli lineari sui capitoli di spesa per automezzi, attrezzature, addestramento, formazione, uniformi, carburanti e al blocco delle retribuzioni dei vigili del fuoco che sono ferme al 2009. Bisogna poi anche dire che i Vigili del Fuoco sono sempre stati gli ultimi nelle attenzioni della politica, tanto è che le loro retribuzioni sono inferiori di circa 300 euro al mese rispetto ai pari qualifica degli altri corpi dello stato e questo è gravissimo".

"Il piano del ministero dell’interno -continua il sindacalista- prevede un taglio di circa il 25 % del personale in servizio presso i distaccamenti nautici che assicurano il servizio antincendio nei porti e concorrono al soccorso in mare, e la dismissione delle unità navali antincendio di grosse dimensioni. In numerosi porti d’Italia -aggiunge Brizzi- il governo pensa di affrontare eventuali incendi di navi di grosse dimensioni con piccole barchette antincendio e questo per noi è inaccettabile, mette a rischio anche la sicurezza dei vigili del fuoco. I tagli maggiori riguardano i porti di Livorno, Napoli e Venezia, con un dimezzamento degli uomini e delle unità navali antincendio, ma il taglio di personale riguarda tutte le sedi nautiche". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza