cerca CERCA
Domenica 07 Agosto 2022
Aggiornato: 21:22
Temi caldi

Turchia: domenica al voto, in gioco il futuro politico di Erdogan (2)

28 marzo 2014 | 17.33
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos/Aki) - Erdogan ha definito i file compromettenti come "montature" e per la loro diffusione ha puntato il dito contro l'influente predicatore Fethullah Gulen, che vive negli Stati Uniti e guida la potente setta Hizmet. Un tempo alleato dell'Akp, Gulen gli si e' rivoltato contro di recente e il premier lo accusa di essere il mandante di un'inchiesta su un enorme scandalo in materia di corruzione che a dicembre ha quasi travolto il suo governo. Erdogan non esita a parlare di Hizmet come di un "gruppo terroristico", che dall'estero "orchestra" inchieste e scandali per far crollare il suo governo.

Ma la rottura con Gulen e' un nuovo allarmante segnale di debolezza per il premier, che sembra aver perso l'appoggio di una parte consistente della componente islamica della societa' che era finora il nocciolo duro del suo elettorato. Una perdita che si aggiunge a quella dell'elettorato piu' giovane, mai troppo affezionato a Erdogan e ora a lui del tutto avverso, dopo la dura repressione delle proteste della scorsa estate al Parco Gezi di Istanbul, costata la vita a otto persone.

I sondaggi, tuttavia, continuano a dare l'Akp per vincente, seppure con un consistente calo rispetto alle precenti elezioni. Sul complesso del territorio nazionale, la forte componente conservatrice della societa' turca dovrebbe garantirgli tra il 35 e il 45% dei consensi. Abbastanza da confermarlo primo partito, ma certo molto meno di quel 50% sfiorato alle elezioni politiche del 2011. Per recuperare consensi, Erdogan non si e' risparmiato, partecipando anche a tre o quattro comizi al giorno, in decine di citta' e villaggi dell'Anatolia. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza