cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 05:00
Temi caldi

Pedofilia: Bagnasco, no obbligo denuncia per rispetto vittime

29 marzo 2014 | 13.03
LETTURA: 1 minuti

Genova, 29 mar. - (Adnkronos) - "Non è assolutamente un no alla denuncia ma risponde a un'attenzione verso le vittime, i loro sentimenti, i loro drammi interiori e risponde a ciò che i genitori ritengono meglio per il bene dei propri figli e della famiglia". Lo ha detto il presidente della Cei e arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, commentando, in occasione di un convegno nel capoluogo ligure, le linee guida della Cei sulla non obbligatorietà della denuncia nei casi di pedofilia da parte di religiosi.

"Il Vaticano - ha aggiunto il presidente della Cei - prescrive di rispettare le leggi nazionali dei singoli Paesi e sappiamo che la legge italiana non riconosce questo dovere per nessuno. Questo è un motivo che ha un suo valore ma quello più importante - ha sottolineato Bagnasco - è il rispetto delle vittime e dei loro parenti perché non è detto che le vittime o i loro familiari vogliano presentare denuncia per ragioni personali". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza