cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 05:57
Temi caldi

Fi: Brambilla, grazie Berlusconi per sue parole su animali

29 marzo 2014 | 20.18
LETTURA: 1 minuti

Roma, 29 mar. (Adnkronos) - "Come sempre, il presidente Berlusconi parla al cuore degli italiani. In questo caso al cuore di milioni di italiani che convivono con un animale domestico e lo considerano un membro della propria famiglia o vorrebbero avere un amico a quattro zampe. Pensando a loro, nell’ambito del Dipartimento di Forza Italia per il sociale e per la solidarietà a me affidato, è nata, su impulso del presidente, la divisione 'Amici animali'". Così Michela Vittoria Brambilla, in una giornata particolare: oggi, infatti, entra in vigore il decreto che vieta l'allevamento sul territorio nazionale di cani, gatti e primati destinati alla vivisezione.

"Intendiamo contribuire a dare una risposta alle istanze e alle esigenze di chi divide la propria vita con uno o più animali domestici e sono tante le iniziative alle quali stiamo già lavorando, anche su sollecitazione dei numerosissimi cittadini che si sono rivolti a noi”, aggiunge Brambilla.

"Ci sono argomenti – ribadisce - che interessano alla gente, altri che interessano solo alla politica. Il presidente Berlusconi da sempre interpreta compiutamente i temi che interessano alle persone. E mentre la politica, indifferente ed autoreferenziale, aveva da sempre relegato temi come il benessere degli animali, i loro diritti, le necessità e i problemi di chi li considera come membri della propria famiglia tra le questioni di serie C, noi di Forza Italia crediamo invece che siano di serie A e lo dimostreremo in tutte le occasioni. Perciò ringrazio il presidente per la commovente citazione di madre Teresa". "I club Forza Silvio - aggiunge - sono già mobilitati, per favorire le adozioni dei trovatelli che vegetano dietro le sbarre dei canili in attesa che qualcuno voglia regalare loro una nuova vita. E’ una battaglia di civiltà che ci vede e ci vedrà sempre in prima linea”, conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza