cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 09:14
Temi caldi

Fi: Storace, al fianco di Berlusconi senza chiedere posti in prima fila

29 marzo 2014 | 14.14
LETTURA: 1 minuti

Roma, 29 mar. (Adnkronos) - "La Destra rimane in campo come soggetto politico ed elaboratore di idee e di cultura ed e' chiamata a scegliere il campo da arare per tornare a seminare. Berlusconi ci ha inviato un abbraccio per nulla scontato. Io sono per ricambiarlo con affetto ed entusiasmo". Lo ha affermato il segretario de La Destra, Francesco Storace, nella sua relazione al Comitato centrale del partito.

"Berlusconi -ha aggiunto- ci chiede di ritrovare al suo fianco la destra leale, quella della sofferenza orgogliosa di questi anni, delle rinunce testarde a facili posizioni di potere, del rifiuto tenace a perdonare il tradimento di valori e ideali. Fini ha causato la diaspora della destra italiana, sparpagliata in troppe piccole formazioni politiche mentre milioni di uomini e donne che vengono da quella cultura hanno individuato proprio in Berlusconi il loro punto di riferimento. Sarebbe davvero una sciagura se il patrimonio valoriale della destra italiana dovesse estinguersi nel naufragio del suo partito-contenitore. Spetta a noi mantenere vivo e rendere utile quel patrimonio".

"E in Forza Italia -se risponderemo positivamente all'appello di Berlusconi- potremo ritrovare migliaia di persone che come noi hanno militato a destra. E che un domani vorranno vedere riprovarci i loro figli. Ma ora e' li' che bisogna credibilmente combattere per sconfiggere una sinistra tassaiola e settaria, oltre che bifronte come il presidente del Consiglio. In quella casa, senza chiedere nulla in regalo, ma puntando a conquistarci quel che meriteremo per ridare una speranza a chi l'ha persa, potremo abitare anche noi. A Berlusconi -ha concluso Storace- non chiedo comodità o un posto in prima fila, ma spazio per stare in prima linea a combattere la stessa battaglia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza