cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 05:00
Temi caldi

Cinema: Turturro a Roma, tra Moretti, Pontercorvo e il suo 'Gigolo' per caso'

29 marzo 2014 | 14.08
LETTURA: 2 minuti

Esce il 17 aprile nelle sale italiane il nuovo film da regista dell'attore Usa

Roma, 29 mar. (Adnkronos) - Le riprese del nuovo film di Nanni Moretti, 'Mia madre', che per quanto lo riguarda sono terminate questa settimana, poi ancora dal 9 aprile sul set del nuovo film di Marco Pontecorvo, 'Tempo instabile con probabili schiarite', e in mezzo la presentazione romana del suo nuovo film da regista, 'Gigolo' per caso', di cui e' anche interprete con Woody Allen, Sharon Stone, Sofia Vergara e Vanessa Paradis, che uscira' nelle sale italiane il 17 aprile distribuito dalla Lucky Red. E' un John Turturro sempre piu' italiano quello che incontra sorridente i giornalisti nella capitale e parla mescolando l'inglese all'italiano e riflette sul cinema ma non solo. "Non ci sono tanti ruoli interessanti per le donne al cinema. Normalmente in un film 20 uomini e una donna", dice parlando delle donne del suo film ma anche del ruolo di protagonista di Margherita Buy nel film di Moretti. Poi si rammarica per la chiusura sempre piu' frequente delle piccole librerie: "Una grave perdita", dice.

'Gigolo' per caso' e' la storia di Fioravante e Murray, due amici per la pelle in condizioni economiche precarie, per sbarcare il lunario decidono di cimentarsi con il mestiere piu' antico del mondo. L'uno (John Turturro) nei panni di un gigolo', l'altro (Woody Allen) nel ruolo di manager. Con il nome d'arte Virgil, Fioravante si destreggia tra un menage a trois con due avvenenti signore alla ricerca di emozioni forti (Sharon Stone e Sofia Vergara) e gli incontri ben piu' casti con Avigal (Vanessa Paradis), vedova di un rabbino della ultraortodossa comunità degli ebrei Stamar di Williamsburg, a Brooklyn. Mentre Fioravante viene messo in crisi dai sentimenti che quest'ultima suscita in lui, ignaro della gelosia di Dovi (Liev Schreiber), chassidico innamorato di lei fin da quando era ragazzo, Bongo (speudonimo di Murray) scopre che non e' poi cosi' facile essere un protettore.

"Questo progetto -ha detto l'attore-regista- è nato dal mio barbiere. A lui avevo raccontato questa storia e lui l'ha raccontata a Woody, che ha detto: 'Fammi chiamare'". Turturro si e' fatto aiutare da Allen anche nella fase di scrittura: "Io scrivevo, gli mandavo qualcosa e lui mi dava un feedback, anche con delle critiche brutali, tipo: 'è terribile', 'non mi piace'. Pero' mi ha aiutato a realizzare una commedia di maggior respiro e sofisticata". Dell'Allen attore Turturro si e' innamorato sul set: "E' talmente facile dirigerlo: prima sembra timido, è ripiegato su di sé, poi appena dici 'azione' si anima e recita come sappiamo". Mentre del suo gigolo' ha dettoi: "E' un uomo a suo agio con le donne, le ama: tanti uomini amano il sesso ma non le donne, lui è in grado di ascoltarle". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza