cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 21:41
Temi caldi

Calcio: Reja avverte la Lazio, contro il Parma e' decisiva (2)

29 marzo 2014 | 15.31
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos) - Reja aggiunge che per puntare a un salto di qualità c'è bisogno che il reparto offensivo faccia meglio: "Ne abbiamo parlato tante volte, la differenza la fa chi ha davanti i cannonieri, noi per infortuni e situazioni diverse non abbiamo un giocatore in doppia cifra. Vediamo se ci riusciremo in queste ultime partite. Il mister goriziano preferisce non parlare del comunicato della Lega e della contestazione della tifoseria nei confronti del presidente Lotito: "E' meglio che non esprima un'opinione per non essere travisato. Non è che non voglio rispondere, ma preferisco passare alla prossima domanda".

L'allenatore biancoceleste però ammette le difficoltà ambientali a cui la squadra è sottoposta: "Nel gruppo storico c'è compattezza, però è vero che ci sono grandi punti di domanda perché i giocatori non sono insensibili. La forza della squadra è la compattezza dell'ambiente, tra società, tecnico e calciatori. Qua c'è qualcosa di anomalo, è chiaro che i giocatori dovrebbero essere orgogliosi di fare parte della Lazio perché è un club blasonato, che ha vinto anche sotto la gestione Lotito. Ci sono dei trofei importanti (Coppa Italia e Supercoppa ndr), io ho fatto quarto e quinto posto, Delio Rossi è arrivato in Champions League. Abbiamo visto che anche altre società hanno avuto difficoltà per un cambio generazionale, spesso ci vogliono 2-3 anni per ripartire. Qua ci sono sempre pretese costanti, non basta mai niente".

Infine un giudizio sul Parma. "Sì che fa paura, hanno Cassano davanti, sono una squadra forte sulle fasce ed esperta dietro. Non si fanno 17 risultati utili di fila per caso. Donadoni sta facendo cose ottime, per noi non sarà facile ma ce la metteremo tutta".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza