cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 05:43
Temi caldi

Palermo: conferita cittadinanza onoraria a Nobel Walesa

30 marzo 2014 | 17.12
LETTURA: 1 minuti

Sindaco, figura di immenso valore e riferimento percorsi innovazione

Palermo, 30 mar. - (Adnkronos) - Da oggi Lech Walesa, presidente emerito della Repubblica di Polonia e premio Nobel per la Pace, è cittadino onorario di Palermo. A consegnargli la cittadinanza onoraria, durante una cerimonia nell'aula consiliare di Palazzo delle Aquile è stato il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando, che già ieri aveva dato il benvenuto in città a Walesa.

"Ci troviamo di fronte a una delle più grandi personalità internazionali - ha detto il primo cittadino - e se per lui questo conferimento si aggiunge a un lungo e prestigioso elenco, per la città di Palermo è una nuova importante e determinante tessera del suo mosaico. Il senso di questa giornata è anche l'ideale collegamento tra il Baltico e il Mediterraneo, tra le città di Danzica e Palermo. Per questo siamo fieri di dare il benvenuto come cittadino palermitano a Lech Walesa, riferimento dei percorsi di innovazioni e figura di immenso valore". "Mai avrei pensato di ricevere un conferimento cosi importante. Sono orgoglioso di far parte da oggi della comunità palermitana" ha detto l'ex leader di Solidarnosc, che ha ringraziato Orlando per "questa meravigliosa giornata".

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, il presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando, gli assessori comunali Luciano Abbonato, Agata Bazzi, Giusto Catania e Giuseppe Barbera, e il presidente della Consulta delle Culture, Adham Darawsha. Walesa era accompagnato da Laura Olivetti, presidente della Fondazione intitolata al padre Adriano. Prima della cerimonia di Palazzo delle Aquile, Walesa era andato insieme ad Orlando nella Cappella delle Dame, gioiello del barocco in via Ponticello, in pieno centro storico, per assistere alla messa officiata in polacco e in italiano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza