cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 21:25
Temi caldi

Notizie Flash: 1/a edizione - La cronaca (10)

30 marzo 2014 | 13.49
LETTURA: 1 minuti

Reggio Emilia. Ha "cancellato" la sua identità denunciando lo smarrimento della carta d'identità e della sua postapay. E' quindi rinata a "nuova vita" utilizzando documento e postpay per portare a compimento truffe online su siti di compravendita dove piazzava annunci trappola concernenti la vendita di auto e motocicli. Ad ogni vendita portata a compimento corrispondeva il versamento di una caparra. Una volta ottenuta spariva nel nulla per poi comparire con altro nickname e nuovo annuncio sullo stesso sito. A scoprirla i carabinieri della Stazione di Bibbiano che con l'accusa di truffa continuata e falso in atto pubblico commesso da privato hanno denunciato alla Procura reggiana una 22enne di Bibbiano. Le indagini sono partite nel maggio del 2013 e hanno preso spunto da 3 denunce per truffa ai danni di altrettante persone residenti a Ferrara, Roma e Pordenone che credendo di acquistare automezzi (una vespa 50 special, una lambretta ed un Mercedes Sprinter) sono incappati nella truffatrice che dopo le trattative intercorse via mail riusciva a piazzare i mezzi richiedendo il versamento a titolo di garanzia di una caparra. Documento e postpay sono stati sequestrati.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza