cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 08:22
Temi caldi

Notizie Flash: 2/a edizione - La cronaca (6)

30 marzo 2014 | 18.37
LETTURA: 1 minuti

Brindisi. E' finita bene la disavventura di tre diportisti messi in salvo al largo di Brindisi dopo l'affondamento della loro imbarcazione con la quale erano usciti in mare per una battuta di pesca sportiva. Le ricerche, coordinate dalla Capitaneria di Porto della citta' pugliese, sono scattate a seguito della notizia giunta stamane alle 7,30 dalla sala operativa dei Vigili del fuoco. Nella zona dell'affondamento a ridosso della rada di sudest sono state indirizzate tre motovedette della Guardia Costiera, una motobarca del distaccamento portuale dei Vigili del fuoco, unitamente al nucleo sommozzatori. Le ricerche hanno interessato un ampio tratto di mare comprensivo dell'intera rada, della canaletta di ingresso dello schema di separazione del traffico e la zona a sudest della rada, che e' stata anche sorvolata da un elicottero dei vigili del fuoco. Dopo poco piu' di tre ore di ricerche, alle 11,05, i naufraghi sono stati intercettati e trasbordati sulla motobarca dei vigili del fuoco che monitorava quell'area. Giunti in banchina, sono stati assistiti dal personale medico del servizio 118 che, nonostante lo stato di agitazione e un principio di ipotermia, li ha trovati in buone condizioni di salute. Secondo quanto ricostruito piu' tardi i tre naufraghi erano intenti a pescare quando, per cause in corso di accertamento, nella loro imbarcazione si e' aperta una via d'acqua, che ha causato un affondamento repentino del mezzo. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza