cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 03:13
Temi caldi

Notizie Flash: 2/a edizione - L'interno (5)

30 marzo 2014 | 18.35
LETTURA: 1 minuti

Roma. Nelle riforme costituzionali sarebbe "pericoloso" se Matteo Renzi trasformasse "il giusto senso di urgenza in precipitazione e scarsa ponderazione". Lo scrive il senatore a vita Mario Monti in una lettera al 'Corriere della sera' in cui aggiunge: "Vedo questo rischio, grave, nel provvedimento per il superamento del bicameralismo paritario e per la riforma del Senato che sarà domani sul tavolo del Consiglio dei ministri".L'ex premier rilancia la bozza di ddl costituzionale predisposta da Linda Lanzillotta e Renato Balduzzi (Sc), "in grado forse di raccogliere consensi più ampi" e quindi: un Senato "composto non soltanto da rappresentanti delle autonomie territoriali, ma anche da esponenti delle autonomie funzionali e sociali. Un modo per avvalersi anche di quanto la società civile può dare al Paese"."Un'altra esigenza -scrive Monti- è quella di rafforzare il controllo indipendente sull'operato del governo. Un Senato che non è più legato al governo dal rapporto fiduciario può meglio esprimere questo controllo su terreni e con modalità che il nuovo progetto prevede nel dettaglio".(segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza