cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 10:20
Temi caldi

Farmaci: con nuovi anticoagulanti fino a -2.500 ictus e 32 mln risparmiati

31 marzo 2014 | 15.12
LETTURA: 2 minuti

Studio su rivaroxaban contro fibrillazione, costo-efficace gia' dopo 1 anno

Milano, 31 mar. (Adnkronos Salute) - Migliaia di ictus evitati e decine di milioni di euro risparmiati. Nella prevenzione degli stroke causati dalla fibrillazione atriale, vale il detto 'chi più spende meno spende'. La dimostrazione arriva da una valutazione di Hta (Health Technology Assessment) sull'impiego di uno dei 3 nuovi anticoagulanti orali disponibili in Italia, il rivaroxaban, condotta su un periodo di 3 anni dal Centro di ricerca in valutazione delle tecnologie sanitarie dell'Istituto di sanità pubblica dell'università Cattolica di Roma: "I risultati delle analisi - riassume Silvio Capizzi dell'ateneo del Sacro Cuore - dimostrano come l'introduzione del farmaco con quote di mercato incrementali (dall'8% nel primo anno al 30% nel terzo), permetta di evitare 642 ictus il primo anno, 1.636 il secondo e 2.504 il terzo. Con risparmi per il Servizio sanitario nazionale che vanno da quasi 7 milioni di euro nel primo anno a oltre 19 milioni nel secondo, a più di 32 milioni nel terzo".

I dati del Report, pubblicato sull''Italian Journal of Public Health' e presentati oggi a Milano durante un incontro organizzato con il supporto non condizionato di Bayer, mostrano che la nuova terapia anticoagulante "consente di ridurre gli eventi di ictus, embolia sistemica e infarto del miocardio con un risparmio complessivo di risorse sanitarie, nonostante un incremento della spesa farmaceutica", precisa Capizzi. Un traguardo ancora più importante, sottolineano gli esperti, se si considera che la fibrillazione atriale è un'emergenza in crescita insieme all'età media della popolazione, al miglioramento della diagnosi e al numero di pazienti che sopravvivono a un attacco di cuore. "Uno studio ha calcolato che la prevalenza di questa aritmia nel nostro Paese è pari al 2% degli over 15, il doppio di quanto stimato finora", precisa Giuseppe Di Pasquale, direttore dell'Unità operativa di cardiologia dell'ospedale Maggiore di Bologna. "La fibrillazione atriale colpisce quindi circa 1 milione di adulti italiani, esposti a un rischio di ictus 5 volte maggiore ma non adeguatamente trattati, o non trattati affatto, in circa la metà dei casi". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza