cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 07:02
Temi caldi

** Notiziario servizi pubblici ** (18)

31 marzo 2014 | 08.30
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos/Ign) -

Sanita': parafarmacie, delisting ambigui, aspettiamo chiarimenti Aifa

"Le scelte dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sono ambigue, irrazionali e prive di logica: questo atteggiamento mina ripetutamente il nostro lavoro". Ad affermarlo è il vicepresidente della Federazione nazionale delle Parafarmacie, Davide Gullotta intervenendo in merito alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, lo scorso 13 marzo, dei nuovi farmaci passati nella categoria 'senza obbligo di ricetta' e viceversa.

"L'Aifa periodicamente redige una lista di farmaci che passano da con obbligo di ricetta a senza obbligo di prescrizione (Sop) e viceversa - spiega - però questo cosiddetto 'delisting' non segue una logica definita, creando confusione alla nostra professionalità e al nostro lavoro: nei nostri esercizi infatti possiamo vendere solo i Sop e i farmaci da banco mentre ci sono preclusi quelli con obbligo di ricetta, ovvero la famosa fascia C".

"Lo Sterozinil - esemplifica Gullotta - è perfettamente identico al Gentalyn beta (che necessita di ricetta ma è venduto nelle farmacie anche senza). Stranamente a seguito di questo ultimo delisting noi non possiamo dispensare l'originale o gli altri Gentalyn delle altre marche: il paradosso è che alcune aziende, sospettando in un errore dell'Aifa, si rifiutano di vendere tale farmaco alle parafarmacie. Aspettiamo chiarimenti, l'Aifa batta un colpo. La lista di farmaci identici ma classificati in modo diverso è lunga. Le parafarmacie pretendono non solo chiarezza, ma un canale di comunicazione con chi detta le regole al proprio lavoro: non si puo continuare a vivere in balia di scelte poco chiare e prive di logica". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza