cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 16:20
Temi caldi

Sanita': 'cuore matto' per 1 mln di italiani, meta' senza cure anti ictus (3)

31 marzo 2014 | 17.14
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos Salute) - Indicazioni utili a migliorare la gestione dei pazienti con fibrillazione atriale arriva anche dal Dmo (Disease Management Optimization), un'analisi che permette di studiare nuovi modelli organizzativi per patologie definite "rilevanti", che colpiscono un italiano su 4 assorbendo il 60% della spesa sanitaria. Si dimostra così che "si può vincere la sfida di assicurare a questi pazienti un'assistenza migliore e l'accesso alle nuove terapie disponibili", assicura Volpe.

"Le positive esperienze realizzate con il Dmo in Puglia, Toscana e Sicilia - riferisce - mostrano che le specificità locali non sono una barriera. In ogni contesto è possibile identificare una o più modalità d'azione e intervenire per gestire al meglio la fibrillazione, ridurre il numero di ictus, i tassi di mortalità e disabilità, senza investimenti aggiuntivi. Gli interventi posso essere campagne di screening mirato, protocolli per la gestione delle aritmie, percorsi per potenziare l'appropriatezza, sviluppo di modelli hub & spoke delle Stroke Unit, alle quali ancora oggi l'83% degli italiani colpiti da ictus non riesce ad accedere".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza