cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 21:39
Temi caldi

Sicilia: Cisl attacca Crocetta, Isola affonda, stop a giostra rimpasto

31 marzo 2014 | 18.59
LETTURA: 1 minuti

Palermo, 31 mar. - (Adnkronos) - "La Sicilia affonda, ma la politica si lacera sul rimpasto". Il segretario della Cisl siciliana, Maurizio Bernava, lancia su Twitter un richiamo all'urgenza dei temi della crisi e del lavoro, alla classe politica e al governo dell'Isola. Mentre l'economia e la società siciliane "non crescono ma retrocedono, le aziende chiudono, i salari ristagnano, la povertà nella regione aumenta e mentre anche per questo il rischio default incombe sui conti della Regione - dice il leader sindacale -, governo e partiti si affannano per la gestione del potere". Piuttosto, dice ancora, "lavorino su crisi, lavoro, economia", perché serve "una svolta vera".

Per Bernava occorrono "assessori consapevoli e competenti" per i dipartimenti-chiave in fatto di politiche per lo sviluppo, del Bilancio, del Lavoro, dell'Energia. Scelte necessaira per evitare che la Sicilia "faccia la fine della Grecia d'Italia" avverte il segretario, per il quale svolta vera significa "darsi una strategia e priorità sull'emergenza economica e sociale". Per il segretario, il governatore Crocetta è all'ultima chiamata. "Fermi o dia un senso alla giostra del rimpasto - aggiunge Bernava -. È una vergogna, un indecente spettacolo della politica che mina la già debole credibilità della Sicilia di fronte al paese e al mondo. Al colmo di una crisi senza precedenti e ancora senza prospettive, risse politiche interne ai partiti sarebbero comprensibili solo se ruotassero intorno a soluzioni e idee su come affrontare strategicamente l'emergenza. Invece - conclude - assistiamo a una arretratezza della politica che si incarta e blocca tutto sul classico stile da manuale Cencelli e su troppe pressioni affaristiche ed elettorali".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza