cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 11:40
Temi caldi

Clima: allarme nel Rapporto Ipcc, la terra e' in gravissima 'crisi'

31 marzo 2014 | 12.23
LETTURA: 1 minuti

ma per Wwf ci sono ancora margini - Gianfranco Bologna, agire ora

Roma, 31 mar. - (Adnkronos)- La Terra che noi chiamiamo 'casa' è in gravissima crisi ma ci sono ancora margini di azione per poter contrastare le cause del clima che cambia. Nel rapporto sul clima diffuso oggi dall’Ipcc, il Panel Intergovernativo sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite, a Yokohama, Giappone, mostra nella maniera più chiara e inequivocabile che la situazione è grave. "Siamo vicini a mancare la possibilità di limitare il riscaldamento di 1,5 °C oltre i livelli preindustriali. Ciò sottolinea la necessità di un'azione immediata se vogliamo restare al di sotto dei 2 °C, o comunque vicino" scrivono gli scienziati nella seconda sezione WGII del Rapporto diffusa oggi.

I dati del secondo dei tre capitoli -che segue la WGI diffusa a settembre e che precede la WGIII che sarà consegnata ai governi in aprile- preparati dai maggiori esperti appartenenti al Panel, cui seguirà una sintesi finale, confermano infatti che il cambiamento climatico è una realtà, sta avvenendo ora e sta colpendo le vite e il benessere di intere popolazioni così come quello di ecosistemi delicati alla base di importanti cicli vitali. Il documento, inoltre, fornisce una stima degli impatti, l’adattamento e la vulnerabilità dei sistemi umani e dei sistemi naturali, gli impatti già avvenuti e gli scenari di rischio del cambiamento climatico, insieme alle azioni possibili di adattamento.

Per questo i massimi esperti del Wwf lanciano al loro volta un appello perchè "si agisca ora". "Il rapporto per la prima volta sottolinea la marcata differenza tra ciò che la Terra potrebbe essere se agiamo ora per tagliare le emissioni di gas serra, che attualmente provengono per la maggior parte dall’uso dei combustibili fossili, e quello che potrebbe accadere in assenza di azioni veloci e adeguate" afferma Gianfranco Bologna, direttore scientifico del Wwf Italia. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza