cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 14:35
Temi caldi

Contraffazione: Assocalzaturifici, rendere obbligatoria denominazione origine (2)

31 marzo 2014 | 16.09
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos) - Assocalzaturifici chiede dunque all'Unione europea di considerare l'approvazione dell'articolo 7 del Regolamento una priorità anche "alla luce delle grandi ambizioni della Commissione europea di portare al 20% il valore dell'industria manifatturiera rispetto al Pil". Ma l'iniziativa è fondamentale anche per la tutela del consumatore, come spiega Lara Comi, componente della Commissione Imco, intervenuta oggi all'incontro organizzato da Assocalzaturifici.

"Il nostro obiettivo è la tutela del consumatore a 360 gradi, vogliamo informare per lasciare il consumatore libero nella sua scelta. La tracciabilità deve diventare uno strumento che agevoli le imprese e le aiuti anche a combattere il lavoro minorile. La tracciabilità - spiega Comi- è una lotta che riguarda non solo l'ambito tessile, ma anche quello alimentare".

Per Cleto Sagripanti, presidente di Assocalzaturifici, l'introduzione del sistema 'Made in' faciliterà le autorità durante i controlli e nell'adozione di contromisure in caso di situazioni critiche. Non è infatti sufficiente, secondo l'associazione, che il consumatore o le autorità di sorveglianza conoscano il nome e l'indirizzo del produttore e dell'importatore dal momento che questi dati potrebbero non bastare per risalire all'effettivo luogo di fabbricazione. Secondo Assocalzaturifici, invece, "la conoscenza dei prodotti da parte dei consumatori potrebbe stimolare le aziende a migliorare i propri standard di produzione e ad adottare comportamente eticamente più corretti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza