cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 22:02
Temi caldi

Contraffazione: Assocalzaturifici, rendere obbligatoria denominazione origine

31 marzo 2014 | 16.05
LETTURA: 1 minuti

Il 16 aprile argomento esaminato dal Parlamento europeo

Milano, 31 mar. (Adnkronos) - Assocalzaturifici, insieme ad alcuni eurodeputati italiani, lancia l'ultimo appello per difendere, in sede europea, l'obbligo di indicazione di origine, alla vigilia dell'esame da parte del parlemnto europeo dell'articolo 7 del 'Regolamento comunitario sulla sicurezza dei prodotti destinati ai consumatori' (il 16 aprile prossimo).

Come è emerso oggi nel corso dell'incontro a Milano 'Made In: ultima chiamata!', l'Europa è ancora l'unica tra le maggiori economie mondiali a non prevedere per legge l'etichettatura obbligatoria d'origine per le merci che circolano all'interno dell'Ue. Per intervenire in questa situazione, l'articolo 7 della Commissione Imco (mercato interno e protezione dei consumatori) prevede che i fabbricanti e gli importatori appongano sui loro prodotti un'indicazione del paese d'origine e, nel caso in cui le dimensioni lo consentano, anche sull'imballaggio della merce o su un documento di accompagnamento.

Inoltre, il Regolamento prevede che i fabbricanti siano autorizzati a indicare il paese d'origine solo in inglese, attraveso l'indicazione 'Made in' accompagnata dal nome dello stato di provenienza, per renderlo comprensibile ai consumatori. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza