cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 19:52
Temi caldi

Fiat: Marchionne, cambiare modello business unica strada per sopravvivere

31 marzo 2014 | 12.37
LETTURA: 1 minuti

Torino, 31 mar. - (Adnkronos) - 'Ho lavorato in modo caparbio e senza sosta a questo progetto e l'ho fatto perche' cambiare il nostro modello di business era l'unica strada per sopravvivere''. Cosi' l'ad del Lingotto, Sergio Marchionne, ripercorrendo le tappe della fusione tra Fiat e Chrysler nel corso dell'ultima assemblea di bilancio di Fiat a Torino. ''Era l'unico modo per garantire a tutti gli stakeholder, i nostri lavoratori, i fronitori, la rete di vendita e anche i nostri azionisti, che la Fiat potesse continuare ad esistere e prosperare'', ha proseguito Marchionne, ricordando che ''dieci anni fa sia Fiat, sia Chrysler, nonostante volumi di vendita apprezzabili erano in profondo rosso. A livello di gestione ordinaria Chrysler perdeva mezzo miliardo di euro, Fiat quasi un miliardo''.

''Dieici anni dopo, insieme, con gli stessi volumi e pur aumentando nettamente il numero di dipendenti, hanno registrato un utile della gestione ordinaria pari a 3,4 mld. Credo che questa sia una prova edivente del fatto che i volumi, di per se' non sono tutto - ha proseguito Marchionne - e' la prova che l'indipendenza oggi nel nostro settore non puo' piu' essere considerata un valore. Le economie di scala, le capacita' di generare efficienze, lo sviluppo di piattaforme globali, la condivisione dei costi e degli investimenti - ha concluso - e' la strategia che abbiamo abbracciato nel 2009 e che sta ora portando i suoi benefici''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza