cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 03:13
Temi caldi

Imprese: Isfol, 33% deve aggiornare competenze propri lavoratori (2)

31 marzo 2014 | 16.34
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos/Labitalia) - Tra le imprese di grandi dimensioni (almeno 250 dipendenti), ben l'83% esprime un fabbisogno professionale. A seguire, le aziende di medie dimensioni (tra 50 e 249 dipendenti), che si attestano al 58%. Inoltre, quelle di piccole dimensioni (sotto i 50 dipendenti), che soltanto in un caso su tre (32%) sottolineano l'esigenza di aggiornare nel breve termine alcune delle figure presenti al loro interno.

Le regioni dove le imprese esprimono fabbisogni professionali da soddisfare con percorsi formativi di aggiornamento nel corso dei prossimi mesi sono soprattutto quelle meridionali, in particolare Basilicata, Molise, Sardegna, Campania e Puglia con percentuali superiori alla media nazionale (con la sola eccezione della Calabria che registra un dato basso). Le imprese del Centro-Nord, invece, sono sostanzialmente in linea con il trend nazionale e in qualche caso anche al di sotto (Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Piemonte).

Le professioni che registrano le esigenze più forti di aggiornamento sono, in termini assoluti, quelle riconducibili ai grandi gruppi: professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi (25%); artigiani, operai specializzati e agricoltori (23%); professioni tecniche (20%). Senza dimenticare le professioni esecutive nel lavoro di ufficio (18%). Per questi gruppi di professioni la distribuzione territoriale del fabbisogno si concentra soprattutto nel meridione, con la sola eccezione delle professioni tecniche che invece fanno registrare in termini percentuali il dato più alto nel Nord-Ovest (31%).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza