cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 03:01
Temi caldi

Moda: Modartech, studenti a lezione di filosofia del recupero (2)

31 marzo 2014 | 15.55
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos/Labitalia) - Giulia Boccafogli, architetto e stilista, è stata descritta come animata da passione, ricerca e dedizione verso le sue creazioni: ornamenti contemporanei realizzati a mano con pregiati pellami di recupero. Pezzi unici che sembrano provenire da un immaginario sommerso fatto di inchiostro, profonde luci offuscate e vellutati fluidi di palude.

Uno stile a metà tra la moderna decadenza, caratterizzato da onde, drappeggi e linee morbide, e il tribale, con sottili, soffusi richiami fetish; uno stile in cui il concetto di accessorio sembra svanire, lasciando al suo posto l'idea dell'ornamento come grande protagonista.

Moltosilvia è il marchio creato dalla stilista Silvia Pizzoli. Un nome nato quasi per scherzo, una sorta di sinonimo per indicare un certo tipo di stile e di mood che idealmente appartiene al mondo di Silvia, che ha iniziato il suo percorso dalle piccole cose. Il suo punto di partenza sono i foulard dai colori e dalle fantasie esplosive, merletti d'antan, scampoli di tessuti preziosi, tagliati e riassemblati, che, in base all'ispirazione del momento, si trasformano in accessori o abiti. Silvia ha creato capi unici, nati dall'idea del recupero, con una nota nostalgica, la cifra stilistica che caratterizza le sue piccole opere d'arte. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza