cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 14:35
Temi caldi

Turismo: Marchini su tassa soggiorno Roma, meglio politiche per settore

31 marzo 2014 | 19.00
LETTURA: 1 minuti

Roma, 31 mar. (Adnkronos) - "Tutti sono capaci a mungere le vacche più grasse. Si rischia così di indebolire uno degli asset economici della città". È quanto affermato da Alfio Marchini durante il suo intervento di stamattina a 'Tele Radio Stereo 2'.

"L'innalzamento di questa tassa - ha aggiunto Marchini - sarebbe stato accolto diversamente se, in questi lunghi mesi, si fossero varate politiche e azioni per supportare l'intero settore. Già all’indomani delle elezioni, si sarebbe dovuto creare un bureau per 'vendere' Roma come location ideale per convegnistica e convention aziendali. Come si sa, le grandi multinazionali investono molto in questi settori, con programmazioni almeno quinquennali".

"Non esiste che la nostra città, con tutto quello che può offrire, sia fanalino di coda in questo business che permette di riempire alberghi e strutture ricettive anche nei periodi di bassa stagione - ha concluso - È poi impensabile che si debba pagare una tassa uguale in ogni periodo dell'anno: ci deve essere una progressione stagionale che tenga conto dei periodi di minore afflusso turistico".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza