cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 03:13
Temi caldi

Caso maro': Terzi, con ulteriore rinvio India strumentalizza nostri fucilieri (2)

31 marzo 2014 | 14.28
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos) - Quello che è avvenuto riguardo la vicenda dei due marò italiani "pregiudica la libertà di navigazione dei mari, il principio fondamentale della giurisdizione su navi di bandiera in alto mare, ed è un vulnus alla sicurezza dei nostri uomini impegnati in operazioni di pace nel mondo", sottolinea Terzi per il quale "la decisione di esautorare la Nia, l'agenzia antiterrorismo indiana, dalle indagini del caso che vede imputati i due fucilieri della Marina è stato un piccolissimo passo avanti nell'intera vicenda, e chiarisce solo quello che il buon senso avrebbe dovuto indicare sin dall'inizio: che si tratta di militari italiani impegnati in un'azione di antipirateria e quindi non aveva nessun senso, nè logico nè giuridico, una impostazione del genere".

Ma questo "non è che un piccolissimo passo avanti avveuto perchè in queste ultime settimane c'è stata la decisione del governo italiano di adire le vie internazionali per risolvere il caso. Ora - rimarca - questa procedura deve essere perseguita con la massima fermezza, perchè se c'è stato questo primo timido risultato è soltanto grazie all'apertura della questione sul piano internazionale che può aprire delle prospettive concrete per riportare i nostri militari fuori dall'India ed evitare l'inizio di un processo che è del tutto illegittimo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza