cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 16:20
Temi caldi

Notizie Flash: 3/a edizione - La cronaca (9)

31 marzo 2014 | 19.11
LETTURA: 1 minuti

Roma. Quattro anni e mezzo di reclusione: è la condanna inflitta oggi dal Tribunale di Roma a Faharad Khan, nato nel Bangladesh e accusato di aver costretto i figli della sua convivente a subire le sue violenze. Atti sessuali con minorenni e violenza sessuale aggravata sono i reati per i quali l'uomo che ha 39 anni è stato condannato. Il Tribunale presieduto da Fabrizio Gentili ha accolto le richieste del pubblico ministero Francesca Passaniti.Le violenze secondo quanto è emerso dall'inchiesta sono avvenute fra il 2007-2008. Khan secondo l'accusa costrinse la figlia della sua conviente che aveva 14 anni a subire un rapporto completo dopo averla bloccata e averle chiuso la bocca. Sempre in quel periodo l'uomo avrebbe costretto il figlio maschio della sua compagna, il quale all'epoca aveva 8 anni a vedere film pornografici e a subire molestie. Il Tribunale ha fissato in via provvisionale un risarcimento danni di 60mila euro. Ad assistere i violentati l'avvocato Cristina Cerrato. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza