cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 16:42
Temi caldi

Notizie Flash: 1/a edizione - L'interno (7)

31 marzo 2014 | 12.47
LETTURA: 1 minuti

Roma. "Voi vi domandate oggi se ci sia bisogno di nuove leggi. I diversi gruppi politici si pronunceranno al riguardo. Io so per certo che serve una nuova attenzione, adeguata all'importanza che la Rete ha guadagnato nelle nostre vite. Internet è un'occasione senza precedenti di conoscenza, di informazione, di partecipazione alla sfera pubblica, quindi di esercizio di diritti civili. Tuttavia è anche il luogo in cui i diritti delle persone si scontrano spesso con grandi poteri politici e commerciali". Così la presidente della Camera Laura Boldrini in un messaggio al convegno a Montecitorio 'Internet e liberta' d'espressione - C'e' bisogno di nuove leggi?'. "Sono una convinta utente e sostenitrice dei social media - ha proseguito Boldrini - ai quali attribuisco un insostituibile valore comunicativo, e proprio per questo voglio che non si trasformino in territorio di rapina, dove le informazioni sulle persone diventano proprietà di chi è interessato esclusivamente ai profitti; o dove la dignità dei singoli viene calpestata da minacce e da atteggiamenti di abuso e discriminazione". "E' evidente che non solo in Rete si pongono questi problemi - ha riconosciuto la presidente - che la violenza e l'odio sono ben presenti offline e che non è certo Internet a produrli. Ma non per questo credo che si possa rimanere con le mani in mano quando si usa la rete per controllare la vita delle persone o offenderne la dignità. Non mi sfugge, credete, la delicatezza di questi argomenti. Ma gli interlocutori di oggi hanno le competenze e le sensibilità per indicare le possibili soluzioni, che devono nascere sempre nel dialogo tra i diversi soggetti interessati". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza