cerca CERCA
Martedì 09 Agosto 2022
Aggiornato: 23:34
Temi caldi

Notizie Flash: 3/a edizione - Lo sport (4)

31 marzo 2014 | 19.13
LETTURA: 1 minuti

Roma. Dopo aver raggiunto i 252,454 km/h, Simone Origone non ne ha ancora abbastanza. L'uomo-jet è soddisfatto per questo nuovo record di velocità sugli sci, ma la ricerca di nuovi limiti continua. "Si sarebbe potuto fare anche 254-255 km/h se solo si fosse partiti mezz'ora dopo - dice il recordman di Champoluc-. Le condizioni della neve" sulla la pista Foret Blanche di Vars "non erano ottimali, era molto dura e si sbatteva molto. Nel nostro sport ogni volta che ci si scompone si frena e quindi è arrivato qualcosa meno, ma sono felicissimo"."Ho lavorato talmente tanto per inseguire questo record che adesso sono soddisfatto -prosegue- però nel mio futuro un altro tentativo di record ci può stare. Questo è uno sport da vecchi, dove si impara molto con il passare degli anni e quindi non smetto di certo". "Oggi le condizioni generali erano molto difficili: oltre agli sci che sbattevano c'era un passaggio strettissimo dove bisognava passare in alto. Ci voleva davvero un bel pelo sullo stomaco. Pensare che non credevo di essere andato oltre il record, visto tutto quello sballottamento e invece...", afferma ancora. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza