cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 07:24
Temi caldi

Europee: su tavolo Berlusconi resta caso Scajola, in settimana il chiarimento

31 marzo 2014 | 20.50
LETTURA: 1 minuti

Roma, 31 mar. (Adnkronos) - Questa settimana potrebbe essere decisiva per sciogliere alcuni nodi sulle candidature di Forza Italia alle europee. A cominciare dal caso Scajola. Secondo indiscrezioni raccolte in Transatlantico, a Montecitorio, l'ex ministro dello Sviluppo economico dovrebbe avere un incontro chiarificatore con Silvio Berlusconi per la corsa a Bruxelles. Il Cav, che rientrera' domani a Roma, ancora non ha dato una risposta definitiva all'ex coordinatore azzurro della cosiddetta traversata del deserto: la partita e' aperta, anche se sono forti le resistenze interne al partito per la candidatura di uno della 'vecchia guardia', anche se e' stato prosciolto dalle accuse nell'ambito del processo per la casa al Colosseo.

Tutto e' rinviato a un faccia a faccia risolutore. Certo, fanno notare alcuni esponenti azzurri liguri, sarebbe difficile pensare a un'esclusione di Scajola se si considerano alcuni fattori emersi negli ultimi giorni: l'apertura di Berlusconi alla candidatura di un deputato in carica come Raffaele Fitto (a patto che si dimetta da parlamentare una volta eletto a Strasburgo) e ai big in lista; l'attenzione mostrata dal leader azzurro nei confronti delle 'vittime della giustizia', come lui stesso le ha definite; la necessita' di rafforzare il profilo moderato di Forza Italia dopo l'avvicinamento con la Destra di Francesco Storace e la concorrenza di Ncd per la conquista dell'elettorato centrista.

Scajola potrebbe recuperare fasce di voto organizzato altrimenti destinato, nel Nord-ovest, a finire attratto dagli altri giocatori che presidiano la circoscrizione: da Mario Mauro a Maurizio Lupi, da Pier Ferdinando Casini a Roberto Formigoni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza