cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Riforme: Renzi rassicura Berlusconi su patto, Pd coerente/Il Punto (3)

31 marzo 2014 | 20.54
LETTURA: 1 minuti

Grasso, non difendo status quo - premier, presidente Senato sia arbitro non giocatore

(Adnkronos) - Renzi sgombra il campo dai dubbi e rassicura Berlusconi che il Pd manterrà gli impegni. Tuttavia, la situazione non è così pacifica. Il senatore dem Francesco Russo, tra i firmatori del 'documento dei 25', spiega che i problemi non vengano dal Pd ma dalle altre forze politiche. E proprio per questo, il Pd deve essere compatto e rinnova la richiesta a Renzi di un confronto sul ddl.

"Noi siamo d'accordo sul cambiare musica e tenere il tempo che ci viene indicato, pero' -sottolinea Russo- vorremmo scrivere insieme almeno una parte dello spartito". E questo non significa, specifica, essere dei frenatori: "Una cosa mi e' dispiaciuta: vedere avvicinati quei 25 senatori ai frenatori, alla casta conservatrice. Non e' cosi'. Noi vogliamo aiutare Renzi a sminare il campo parlamentare dove i problemi non mancano. E non vengono dal Pd. Vengono da Fi, Ncd, Scelta Civica", dice Russo

Anche Pietro Grasso dice di essere dispiaciuto per essere stato descritto come "il difensore di uno status quo che ho sempre ritenuto inaccettabile". Ma i rapporti con Renzi restano tesi. "Non si e' mai visto che un presidente del Senato intervenga su un procedimento in corso. I presidenti hanno un ruolo terzo e non possono intervenire nel merito. Se sono arbitri non possono giocare", ha ribadito anche oggi il premier. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza