cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 12:26
Temi caldi

** Mondo Rai /appuntamenti e novita' ** (2)

31 marzo 2014 | 20.28
LETTURA: 2 minuti

'Tg1 Fa' la cosa giusta', il calcio a favore della gente -a 'Radio2 SuperMax', Enrico Ruggeri

(Adnkronos) - Domani alle 9.20 a 'Tg1 Fa' la cosa giusta': un giorno per la nostra città, i calciatori della serie B tra i giovani e gli anziani nel proprio territorio"Sport è lezione di vita quando correttamente inteso e lealmente praticato". Nello sport sono importanti lealtà, onestà e rispetto delle regole". E' scritto sui cartelloni con i quali i bambini accolgono i calciatori delle 22 squadre che partecipano al campionato di serie B. Più di mille persone tra atleti, giocatori, staff e dirigenti coinvolti a favore della collettività per testimoniare vicinanza, ascolto, umanità negli incontri con bambini, anziani, disabili e attività per il decoro urbano. "Nel viaggio al termine della notte" anche il calcio, con queste iniziative, vuole fare la sua parte e andare incontro agli altri.In studio con Giovanna Rossiello Andrea Abodi, presidente della Lega Calcio Serie B, e Damiano Tommasi, presidente Associazione italiana calciatori.

Nuova puntata di 'Radio2 Supermax' domani alle 11.00 su Radio2. Max Giusti ha il dono di cogliere ogni piccola sfumatura del genere umano. Dall'imprenditore snob al tifoso di calcio sfegatato, dal “velino” in cerca di fortuna al cinico becchino, dall'impersonale voce di un call center al centralinista un po’ “sfasato”, per passare dalle celebrità ai cantanti neomelodici. Personaggi che si animano in funzione delle notizie del giorno, perché anche loro hanno tanto da dire, e degli ospiti che ci vengono a trovare.Questa volta è il turno di Enrico Ruggeri, da poco uscito con un progetto al quale tiene molto: “Frankenstein 2.0”, un’operazione artistica mai fatta prima, nella quale ha preso il suo album "Frankenstein", che lui definisce “il mio miglior lavoro di sempre” e lo ha ricostruito completamente, arricchendolo con nuove suggestioni elettroniche. Insieme alla SuperMax Band, sul palco della Sala B, ci propone live "In un paese normale".Per partecipare come pubblico si può chiamare la segreteria telefonica 06.3211244 attiva tutti i giorni, o scrivere a radio2supermax@rai.it. Radio2SuperMax è presente su Twitter all'indirizzo @Radio2SuperMax e su Facebook.

Puntata de 'Il Tempo e la Storia', il programma di Rai Educational, in onda domani, alle 13.10 su Rai 3 e alle 20.30 su Rai Storia, ch. 54 del Digitale Terrestre e ch. 23 Tivù Sat, dedicata all’impresa del condottiero spagnolo Hernan Cortés che con poche centinaia di uomini nel 1521 conquista un impero, quello degli Aztechi.E’ uno scontro di civiltà dall’esito catastrofico che si conclude con il massacro di 250 mila persone e la distruzione della capitale azteca Tenochtìtlan, attuale Città del Messico, ma è anche l’incontro di due grandi figure: Cortés e Montezuma, l’imperatore degli aztechi. Nelle vicende di questa conquista – sottolinea lo storico Davide Domenici - ebbero un ruolo fondamentale alcuni fattori che determinarono la repentina sconfitta politico-militare degli Aztechi e che, nel giro di mezzo secolo, causarono una profonda destrutturazione delle società indigene, primo fra tutti l’ innegabile abilità strategica di Cortés e degli Spagnoli. "Essi seppero ben comprendere le dinamiche politiche locali, trasformando a proprio favore le profonde rivalità che esistevano tra i regni indigeni” – commenta Domenici – “per questo, dire che Cortés abbia conquistato un impero con un pugno di uomini è sostanzialmente un mito: in realtà lo fece con la fondamentale collaborazione di migliaia di alleati indigeni che videro negli Spagnoli un potente alleato utile per liberarsi del dominio azteco".(segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza