cerca CERCA
Sabato 01 Ottobre 2022
Aggiornato: 07:33
Temi caldi

Cgil: Nicolosi, da Scudiere arroganza, non sono leader minoranza

04 aprile 2014 | 13.46
LETTURA: 1 minuti

Il segretario confederale, lavoro per unita', ma riconoscere sensibilita'

Roma, 4 apr. (Adnkronos/Labitalia) - "Da parte mia non c'è alcuna intenzione di fare il leader della minoranza. In questo momento dobbiamo lavorare per l'unità della Cgil, che è un bene prezioso. Però non ci deve essere prepotenza e quella del mio collega di segreteria Scudiere è stata una dichiarazione infelice, prepotente e anche arrogante". Così Nicola Nicolosi, segretario confederale della Cgil, risponde, in un'intervista a Labitalia, all'altro segretario confederale del sindacato, Vincenzo Scudiere, che ieri in una nota aveva stigmatizzato la presa di posizione di Nicolosi, con il leader Fiom Maurizio Landini, Domenico Moccia e Gianni Rinaldini, su regole congressuali ed emendamenti sottolineando come "preoccupante l'attivismo di Nicola Nicolosi che è giustificabile solo in presenza della volontà di candidarsi a leader di una minoranza''.

E Nicolosi ritorna sulla questione degli emendamenti. "Innanzitutto dico -spiega- che io faccio parte da 15 anni della maggioranza della Cgil e anche in questo percorso congressuale ho lavorato per il raggiungimento del risultato del voto el 97,5% degli iscritti per il nostro documento. Ma io sono anche il primo firmatario degli emendamenti sulle pensioni. E questi emendamenti, che sono parte integranti del documento congressuale, hanno raggiunto la maggioranza dei votanti in Lombardia, Piemonte, Friuli, Toscana, Emilia, Marche, Abruzzo, e cioè regioni che contano la maggioranza degli iscritti della Cgil". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza