cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 20:20
Temi caldi

Tv: Marano, quest'anno Giro d'Italia tra gara e cultura del territorio

06 maggio 2014 | 16.15
LETTURA: 2 minuti

Mazza, spero sia primo capitolo di nuovo libro e non ultimo di una grande storia

Roma, 6 mag. (Adnkronos) - Oltre 200 ore di diretta per raccontare il 'circo rosa', una nuova trasmissione quotidiana di Rai Educational per raccontare la cultura dei territori toccati dalle tappe e una nuova sigla presa in prestito dal brano sanremese 'Pedala' del rapper Frankie HiNrg. RaiSport rinnova cosi' il suo impegno per la 97esima edizione del Giro d'Italia, dal 9 maggio al 1 giugno. Con le sue rubriche ‘Giro Mattina’, ‘Anteprima Giro’, ‘Il Processo alla tappa’, ‘TGiro’ e ‘Giro Notte’ e la diretta delle 21 tappe previste, RaiSport intensificherà la sua programmazione dedicando all’evento una visibilità senza precedenti.

"Per la Rai -ha detto il vicedirettore generale di Viale Mazzini, Antonio Marano- questo giro ha un motivo di importanza in piu' perche' sara' tutto in Hd. Inoltre, in un momento difficile per lo sport nel nostro paese dopo i fatti dell'Olimpico, il ciclismo e' soprattuto passione e il Giro lo porta tra la gente, per le strade e il servizio pubblico rende possibile vivere 'da vicino' queste esperienza anche a chi vicino non e'", ha aggiunto Marano. "Il Giro e' anche un bell'esempio di sinergia tra le varie strutture dell'azienda -ha sottolineato il direttore di Rai Sport, Mauro Mazza- e mi piace pensare, visto il momento difficile che attraversa la Rai, che il Giro 2014 sia il primo capitolo di un nuovo libro e non l'ultima pagina di un bel libro che sta per finire".

Rai Sport 2 (canale 58 DTT)e Rai3 saranno la reti ufficiali del Giro. Ma quest'anno scendera' in campo anche Rai Storia, grazie alla collaborazione con Rai Educational che fornira' una trasmissione quotidiana di 30 minuti dal titolo 'Viaggio nell’Italia del Giro'. In onda su RaiSport 2 e su Rai Storia per tutto l’arco della corsa, percorrerà le 18 frazioni italiane previste e le analizzera' dal punto di vista storico, letterario, artistico, economico e culturale. Sarà insomma un viaggio attraverso le strade del Giro d’Italia. "Abbiamo pensato -ha spiegato Marano- di unire al racconto del Giro la cultura del territorio. Insomma, vogliamo raccontare la civilta' delle due ruote. E se dopo Giro e Tour de France riusciremo a portare a casa anche la Vuelta potremo dire che il ciclismo la Rai lo offre tutto", ha concluso Marano. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza