cerca CERCA
Giovedì 29 Settembre 2022
Aggiornato: 21:49
Temi caldi

Spagna: socialisti sperano nella sivigliana Susana Diaz per rilancio partito

30 maggio 2014 | 17.22
LETTURA: 1 minuti

capo regione Andalusia, ha 39 anni

Madrid, 30 mag. (Adnkronos/Dpa) - Sarà la sivigliana Susana Diaz a rilanciare il partito socialista spagnolo? All'indomani della debacle delle Europee, il Psoe guarda con speranza al capo del governo dell'Andalusia, unica regione della Spagna dove hanno vinto i socialisti, distanziando di nove punti il Partito Popolare del primo ministro Mariano Rajoy. Per il resto il voto è stato un disastro: il Psoe è crollato da 23 a 14 eurodeputati, spingendo alle dimissioni il leader del partito Pedro Rubacalba.

"Molta gente ritiene che al Psoe serva quello che ha fatto Susana in Andalusia: unire il partito, mantenere una direzione forte, saper ispirare i militanti, scendere nelle strade e vincere le elezioni", dice Patxi Lopez, capo del partito nei Paesi Baschi e fino a pochi giorni fa considerato un possibile leader del Psoe. A sostegno della Diaz, si è schierato anche l'ex primo ministro Felipe Gonzales.

Figlia di un idraulico e una casalinga, la bionda Diaz è nata 39 anni fa nel quartiere popolare di Triana, uno dei più noti di Siviglia, e milita nel Psoe da quando aveva 16 anni. Si è laureata in giurisprudenza con una borsa di studio ed ha scalato le vette del partito regionale partendo dal basso. Sposata, senza figli, potrebbe diventare il prossimo leader del Psoe al congresso straordinario di luglio, anche se ancora non si è candidata. Ma intanto il partito dovrà chiarire se intende affidare la scelta del proprio leader ad un migliaio di delegati del Congresso o rivolgersi a tutti i 250mila iscritti. E decidere se ricorrere alle primarie per la scelta del candidato primo ministro alle politiche del 2015.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza