cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Rai: Balassone, va condensata ma riforma porterebbe piu' occupazione (2)

03 giugno 2014 | 19.24
LETTURA: 1 minuti

"La cessione di Rai Way non cambierebbe nulla, nessun broadcaster possiede torri"

(Adnkronos) - Quanto all'ipotesi della cessione di una quota minoritaria di Rai Way, Balassone ritiene "che non intacchi in nessun modo il core business della Rai: in tutto il resto del mondo le torri di trasmissione non sono mai di proprieta' del broadcaster. In Inghilterra Bbc affitta spazi da British Telecom. La normalita' e' quella. E la vendita di Rai Way, persino nella sua interezza, lascerebbe intatti gli spazi operativi della Rai, come i suoi problemi e le sue opportunita'". E i 150 milioni di prelievo dagli introiti da canone? "Beh, se si vende una cosa di proprieta' dello stato, come appunto le torri, e lo Stato ha bisogno di soldi e' giusto che se li prenda. E' un provvedimento che rientra nelle normali possibilita'".

Quanto alla possibilita' che il canone d'abbonamento venga differenziato secondo il reddito delle famiglie, Balassone si tira fuori: "Su questo lascio la parola agli esperti di scienze della finanze. Non so se matematicamente porterebbe una riduzione dell'evasione ma in c'e' un precedente in Germania in questo senso".

Balassone nega che per ora ci sia una commissione che si riunisce regolarmente per redigere entro l'estate in testo di una riforma. Ma, aggiunge sorridendo, "io ho l'agenda libera, se mi chiamano vado. Domani, ad esempio, vedro' un gruppo di autori che mi hanno chiesto lumi sui temi di questi giorni", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza