cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 14:32
Temi caldi

Calcio: Platini, incontrai Bin Hamman solo per presidenza Uefa

03 giugno 2014 | 19.35
LETTURA: 1 minuti

Nyon, 3 giu. - (Adnkronos/Dpa) - Michel Platini si difende dalle accuse di corruzione nell'ambito dell'assegnazione al Qatar dei Mondiali 2022. Il presidente della Uefa ha inviato oggi una lettera al 'Daily Telegraph' respingendo le "voci infondate" lanciate dal quotidiano inglese.

"La diffusione di voci infondate che mirano a diffamare la mia immagine non mi sorprende. Mi pare però incredibile trasformare in una cospirazione un incontro con un collega del comitato esecutivo della Fifa. Io e il il signor Mohamed Bin Hammam ci siamo visti in diverse occasioni nel 2010, perché entrambi membri del comitato esecutivo dal 2002. Le nostre conversazioni, però, hanno riguardato solamente la mia candidatura per la presidenza della Uefa del 2011".

Il giornale ha riferito di un incontro tra Platini e il lobbista qatariota, poco prima del voto decisivo nel dicembre 2010. Bin Hamman, ex candidato alla presidenza della Fifa, avrebbe pagato cinque milioni di dollari per garantire al Qatar l'organizzazione della Coppa del Mondo 2022. "A riprova della mia totale trasparenza -ha concluso Platini- io fui l'unico nel comitato esecutivo Fifa a rivelare di aver votato per il Qatar. Questo è il segnale della mia trasparenza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza