cerca CERCA
Sabato 01 Ottobre 2022
Aggiornato: 07:33
Temi caldi

Stamina: Garavaglia, con quale diritto magistrato sostituisce medico?

09 giugno 2014 | 10.11
LETTURA: 1 minuti

Roma, 9 giu. (Adnkronos Salute) - "Non una questione politica è umana. Non si può imbrogliare il singolo malato e tutta la società che ha nel sistema sanitario nazionale un prezioso presidio per la salute. Con che diritto un magistrato si sostituisce ai medici e agli scienziati?". Se lo chiede Mariapia Garavaglia, presidente del'Istituto superiore di studi sanitari 'G. Cannarella', riferendosi al caso Stamina.

"E che deontologia rispetta il medico che obbedisce ad un decreto contro ogni evidenza terapeutica?", si domanda ancora Garavaglia. "Asseconda il desiderio di familiari, mettendo a rischio la credibilità di tutta l'azione medica di comprovata efficacia". Tutto questo, aggiunge, per un gesto contrario all'esigenza di fare solo ciò che utile, secondo un principio di imparzialità. Inoltre "nemmeno la prescrizione compassionevole è corretta, perché non accessibile in modo imparziale per tutti i malati".

L'Ordine dei medici, invita Garavaglia, "si muova a difendere la non surrogabile professione medica e ad applicare le necessarie norme previste dal Codice deontologico".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza