cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Mafia: Catanzaro (Confindustria) ad imprenditori, denuncia unica via per cambiamento

10 giugno 2014 | 19.23
LETTURA: 1 minuti

Palermo, 10 giu. - (Adnkronos) - “Le condanne inflitte oggi dimostrano a tutti, ancora una volta, che il collega Gregory Bongiorno, che lo scorso anno ha denunciato i suoi estorsori, ha fatto bene a fidarsi dello Stato e a rivolgersi a forze dell’ordine e magistratura. Solo così, infatti, è possibile concorrere a rendere civile la terra in cui produciamo”. Così il vicepresidente di Confindustria Sicilia, Giuseppe Catanzaro, commenta la sentenza che ha portato alla condanna di Gaspare Mulè a 8 anni e 10 mesi (che in continuazione con una precedente condanna ha avuto 11 anni e 10 mesi), di Mariano Asaro a 3 anni e 8 mesi (18 anni e 8 mesi in continuazione con una precedente condanna), e di Fausto Pennolino a 6 anni e 8 mesi (8 anni e 10 mesi in continuazione).

“Imprenditori e commercianti – aggiunge il numero due di Confindustria Sicilia - prendano atto che cambiare rispetto al condizionamento mafioso si può e la via del cambiamento è la denuncia, senza se e senza ma. Al contempo i mafiosi devono rassegnarsi e prendere consapevolezza che alle loro richieste di pizzo e di minacce corrisponderà una denuncia, un processo e una condanna”.

“Gli estortori – aggiunge Catanzaro – devono avere chiaro che gli imprenditori sono ormai consapevoli e attrezzati per reagire, certi della presenza che lo Stato rivolge agli operatori vittime di reato. Bongiorno, e quelli che come lui hanno scelto la strada della denuncia, sono un valore aggiunto per la ricerca della normalità, ossia la possibilità di produrre e competere senza condizionamenti alcuni. Un plauso particolare desidero rivolgerlo – conclude il vice presidente degli industriali siciliani - a magistratura e forze dell’ordine per la celerità encomiabile con la quale hanno agito”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza