cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 22:05
Temi caldi

Notizie Flash: 1/a edizione - La cronaca (9)

12 giugno 2014 | 13.02
LETTURA: 1 minuti

Napoli. Insospettabili professionisti, imprenditori del settore immobiliare, gioiellieri, soggetti comunque benestanti, complici nel 'passaggio di mano' con il quale la droga proveniente dall'area nord di Napoli, in particolare i comuni di Mugnano e di Melito, raggiungeva i quartieri di Posillipo e di Chiaia e le isole del Golfo. È quanto emerso dall'indagine della Dda di Napoli culminata questa mattina con l'esecuzione, da parte dei Carabinieri della Compagnia di Napoli-Bagnoli, di 60 ordinanze di custodia cautelare (48 in carcere, 10 agli arresti domiciliari, 2 con obbligo di firma) emesse dal gip nei confronti di altrettanti indagati residenti a Napoli, nei comuni limitrofi e nelle province di Ravenna e Rimini. L'indagine, avviata nel settembre 2009 dalla Stazione Carabinieri di Napoli-Posillipo, aveva già consentito di trarre in arresto 19 persone, di cui 8 arrestate in flagranza, per delitti correlati alla cessione di stupefacenti; sono stati quindi identificati i componenti dell'organizzazione criminale, ramificata sul territorio cittadino, che provvedeva a ricevere ordinazioni telefoniche di sostanze stupefacenti, principalmente cocaina, e a consegnare le dosi a domicilio. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza