cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

***Agenda settimanale cultura e spettacoli *** (4)

13 giugno 2014 | 17.53
LETTURA: 1 minuti

A Sabaudia la presentazione di 'Onora la madre - storie di ndrangheta al femminile'

(Adnkronos) - Per la Rubbettino editore arriva in libreria 'Onora la madre - storie di ndrangheta al femminile' con la prefazione di Enzo Ciconte, scrittore, docente all’Università Roma Tre e l’Università de L’Aquila, già consulente della Commissione Parlamentare antimafia. Alla presentazione, che si svolgerà domani nella Parrocchia Santissima Annunziata di Sabaudia alle 18, interverranno l'autrice, Angela Iantosca, e Fabrizio Marras, referente provinciale per Latina di Libera.

Come è cambiato il ruolo della donna nella ’ndrangheta dai primi del Novecento a oggi? È davvero solo vittima? Da questa domanda prende le mosse il libro che mette in luce come le donne, sempre più, tirano i fili della ’ndrangheta, sostituendo gli uomini in caso di loro assenza, educando i figli ai valori cardine dell’associazione. Quello che si compie è un viaggio in quella Calabria sconosciuta che si declina al femminile, attraverso i documenti, i riti, le tradizioni, la fede, le parole dei pm, degli storici, della gente, per arrivare ad affermare che la donna, da sempre, è asse portante di una delle organizzazioni criminali più potenti al mondo.

Il libro è il primo ad occuparsi interamente della figura femminile nella organizzazione che, contrariamente al sentire comune, è da sempre parte attiva, come le ultime inchieste stanno confermando. Ma non sono solo le storie delle donne dentro a trovare corpo. Nel saggio si analizzano anche le storie delle donne che hanno deciso di uscirne, cominciando a parlare, dimostrando così che le donne possono essere davvero un elemento di rottura rispetto ad una organizzazione che sembra inattaccabile, monolitica, per quel suo doppio legame (interessi economici e famiglia) che da sempre la rende l’organizzazione più potente al mondo. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza