cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 21:46
Temi caldi

Brasile 2014: Fifa assolve arbitro Brasile-Croazia, contatto in azione rigore

13 giugno 2014 | 17.47
LETTURA: 1 minuti

'Selecao favorita? Direttore di gara non pensa a certe cose'

Rio de Janeiro, 13 giu. - (Adnkronos/Dpa) - "C'è stato contatto" tra Dejan Lovren, difensore della Croazia, e Fred, attaccante del Brasile. Massimo Busacca, responsabile degli arbitri della Fifa, difende la decisione adottata ieri dal giapponese Yuichi Nishimura nel match inaugurale dei Mondiali tra Brasile e Corazia. Sul punteggio di 1-1, il fischietto nipponico ha assegnato un penalty a dir poco discutibile ai verdeoro, che si sono portati in vantaggio dal dischetto e hanno poi vinto 3-1.

"Nell'arbitraggio abbiamo il bianco e il nero, ma c'è anche il grigio", dice Busacca analizzando l'episodio che ha mandato su tutte le furie i croati. Nishimura ha punito una presunta trattenuta di Lovren ai danni di Fred, che è crollato a terra come se fosse stato colpito da un proiettile. "Gli arbitri si concentrano sull'azione.

Il direttore di gara era in ottima posizione e da lì ha visto il gesto", ribadisce Busacca, che non vuol parlare di errore del direttore di gara: "C'è stato contatto". Nishimura non verrà punito: "Stiamo parlando di sport, non ci sono punizioni". L'operato del giapponese verrà valutato in maniera complessiva: "La partita dura 90 minuti, non comprende un unico episodio". Sbaglia chi pensa che il Brasile venga favorito perché padrone di casa: "L'arbitro non ha tempo di pensare. Deve prendere una decisione in meno di un secondo, in campo ci sono solo la squadra A e la squadra B. Non sta lì a pensare 'Sono in Brasile'. Non c'è tempo". E poi, aggiunge, "è impossibile eliminare gli errori".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza